Tempi duri per i collezionisti …………..“le vecchie vanno tolte”

Non me ne vogliano le nonne e le vecchie zie, non si tratta di loro, ma delle “vignette autostradali” con le quali in bella vista sul vetro anteriore dell’auto, possiamo percorrere le autostrade di casa.
Tempi duri davvero per i collezionisti dei colorati ed autoadesivi bollini.
Tempi duri davvero per i frequentatori delle strade di prima e seconda classe svizzere che, ammaliati dal caleidoscopio delle “vignettes”, ne ostentano quindici o più sul parabrezza, in un arcobaleno di anni e colori.
Per costoro: tempi grigi e tristi parabrise sguarniti!.
Sino ad oggi il limite del numero dei “bollini autostradali” da poter lasciare applicati sul vetro era dato dal senso estetico dell’ostensione, dal buon senso per la visibilità residua e dalla tolleranza delle Forze di Polizia.
Infatti, nell’applicare la norma che impone al conducente di avere e mantenere un’ottima visibilità della strada e degli altri veicoli, sino ad ora gli Organi preposti si appellavano ed applicavano il buon senso del caso : su grandi parabrise (Espace o Camper Himer) qualche bollino in più poteva anche starci; su piccoli vetri (Smart o Mini Cooper) pochi bollini.
Una sorta di legge di natura.
Infatti, la legge federale sul contrassegno (LUSN) del 19 marzo 2010 nei suoi 20 articoli disciplina gran parte della materia, ma non ci offre indicazioni circa “la raccolta ed ostensione” dei bollini : ci dice cos’è ed a cosa serve il contrassegno (art. 2), ce ne quantifica l’importo (art. 6), ci dice dove deve essere applicato (art. 7), chiarisce la sua validità (art. 8), indica la contravvenzione per la mancata esposizione (art. 14) ed il tempo della prescrizione della tassa (art.17).
Infatti, il contrassegno autoadesivo che permette la circolazione sulle autostrade svizzere, deve essere incollato sul parabrise in alto od in basso a sinistra, ha validità dall’1 dicembre dell’anno precedente, al 31 gennaio dell’ anno successivo (ad es. quello acquistato il 1° dicembre 2018, scadrà il 31 gennaio 2020), in caso di mancata applicazione la sanzione sarà di 200,00 chf ed il diritto all’esazione da parte dello Stato si prescrive in 3 anni.
Sino ad ora, in particolare gli stranieri, ne facevano mostra ed ostentazione sul vetro della propria auto per far vedere – questa la finalità ultima – quante volte erano stati in Svizzera!
Ma ora le “cose” sono cambiate!
E’ cominciata la caccia ai cacciatori di bollini!
E dunque come fare per non farsi cacciare?
Non ostentate tutto il vostro andare e venire dalle nostre contrade con l’esposizione di quinquennali o decennali “vignettes”!
A massimo due quella dell’anno in corso e quella del precedente!
Meglio ancora : non applicate altro che il bollino dell’anno in corso e rimuovete tutti gli altri.
Così infatti impone una recente sentenza del Tribunale Federale.
Ricordate che il bollino deve essere ben visibile sul vetro anteriore in alto o in basso a sinistra: direttamente sul vetro e non su un supporto.
Uno per ogni mezzo!
Auto e roulotte : due vignettes
Auto e carrello tenda : due vignettes.
Ed infine, tenete presente che gli Svizzeri – quelli veri – ne espongono una ed una sola e spesso ….. percorrono le Cantonali!

Niccolò G. Ciseri
ngc.avvocato@nephila.it